ACCEDI AL Quotidiano di Puglia.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma-Juve 0-0 Bianconeri campioni d’Italia per la settima volta consecutiva

Roma-Juve 0-0 Bianconeri campioni d’Italia per la settima volta consecutiva

Di Francesco saluta il pubblico dell'Olimpico. Appuntamento alla prossima stagione e alla nuova Champions. La qualificazione è arrivata, prima ancora di scendere in campo, con il successo del Sassuolo, sabato sera a San Siro, contro l'Inter. Manca ancora la certezza di chiudere al 3° posto, che non è ancora al sicuro. Perché la Roma, in inferiorità numerica per l'espulsione di Nainggolan a metà ripresa (doppia ammonizione), pareggia (0-0) contro la Juve che, con un turno d'anticipo, festeggia il 7° scudetto di fila. Allegri, sotto lo sguardo del suo maestro Galeone, si prende il punto che gli serve per certificare il nuovo titolo e il suo record: 4° double consecutivo (campionato e Coppa Italia). La Capitale, a quanto pare, lo esalta: è qui che il 7 maggiodel 2011, sempre contro i giallorossi e con lo stesso risultato, conquistò con il Milan il 1° dei 5 scudetti della sua carriera, da allenatore.
 



PODIO DA DIFENDERE
La Roma, insomma, deve aspettare ancora. Il 3° posto, utile anche economicamente, è da proteggere nell'ultima trasferta, domenica sera a Reggio Emilia contro il Sassuolo. La Lazio quarta ha 2 punti in meno e se il 20 maggio, nello spareggio finale, batte l'Inter, i giallorossi devono prendere un altro punto contro l'ex squadra di Di Francesco. Che per ora, con la sua gente che ha ringraziato in campo (prima volta dopo una partita), si gode l'obiettivo centrato sabato sera che è anche la priorità della proprietà Usa: la partecipazione (la dodicesima del club) alla prossima Champions.

ANDAMENTO LENTO
Alisson e Szczesny non hanno avuto lavoro. E' la conferma che la Juve, con il 4-4-1-1 sistemato dentro la propria metà campo, ha pensato solo al pari e che la Roma, anche se usando il tridente pesante nel suo 4-3-3, si è adeguata. Under, Dzeko ed El Shaarawy non hanno lasciato il segno anche perchè il fraseggio dei centrocampisti, soprattutto di Nainggolan e Pellegrini, è stato spesso impreciso e il ritmo degli altri compagni solo decente. Tagliavento, all'inizio della ripresa, ha annullato la rete di Dybala, partito in fuorigioco. Pjanic ha salvato sul sinistro di Kolarov. Nainggolan, in meno di 5 minuti, si è fatto ammonire due volte: falli inutili ed evidenti su Alex Sandro e Dybala. Lì è finito il match. I bianconeri non hanno più spinto, avendo ormai lo scudetto sul petto.   

LEGGI LA CRONACA
 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Calcio, il punto di Lino De Lorenzis sulle squadre salentine
Video

Calcio, il punto di Lino De Lorenzis sulle squadre salentine

  • Lecce Calcio - Il tecnico Padalino chiede scusa ai tifosi

    Lecce Calcio - Il tecnico Padalino chiede...

  • Le salentine in Lega Pro, il punto di De Lorenzis

    Le salentine in Lega Pro, il punto di De...

  • Il punto sulle salentine in Lega Pro

    Il punto sulle salentine in Lega Pro

  • Calcio - Il punto di Lino De Lorenzis sulle squadre salentine

    Calcio - Il punto di Lino De Lorenzis sulle...

  • Lecce, Francavilla, Taranto: il punto sulle salentine in Lega Pro

    Lecce, Francavilla, Taranto: il punto sulle...

  • Ecco la collezione Panini 2016-17

    Ecco la collezione Panini 2016-17

  • Lega Pro, il punto sulle salentine

    Lega Pro, il punto sulle salentine

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

NEWS